The Breakdown of Nations è stato il primo libro dell’economista e politologo Leopold Kohr. È stato pubblicato nel 1954, ma è straordinariamente attuale. In esso Kohr espone e difende l’affermazione che la causa principale della miseria sociale, sia essa sotto forma di crimine, governo tirannico o guerra, è l’eccessiva dimensione dell’unità sociale. Ne consegue, secondo Kohr, che per ridurre al minimo l’impatto di queste miserie sociali, e quindi promuovere la prosperità umana, deve avvenire il decentramento, o la disgregazione degli enormi Stati nazionali. Kohr costruisce un’argomentazione molto convincente sui benefici del decentramento, esaminando da vicino esempi storici, come il Medioevo e l’epoca delle città-stato greche. Kohr è uno scrittore straordinariamente spiritoso per chi affronta un tema così approfondito, rendendo il libro piacevole e di grande spessore.

Passi chiave
“Come i fisici del nostro tempo hanno cercato di elaborare un’unica teoria integrata, capace di spiegare non solo alcuni ma tutti i fenomeni dell’universo fisico, così io ho cercato, su un piano diverso, di sviluppare un’unica teoria attraverso la quale non solo alcuni ma tutti i fenomeni dell’universo sociale possano essere ridotti a un denominatore comune. Il risultato è una filosofia politica nuova e unificata, incentrata sulla teoria della dimensione. Essa suggerisce che sembra esserci una sola causa dietro tutte le forme di miseria sociale: la grandezza”. (Leopold Kohr, La disgregazione delle nazioni)

“. . . la soluzione dei problemi che il mondo intero deve affrontare non sembra risiedere nella creazione di unità sociali ancora più grandi e di governi ancora più vasti, la cui formazione è ora tentata con un fanatismo così poco fantasioso dai nostri statisti. Sembra risiedere nell’eliminazione di quegli organismi troppo cresciuti che vanno sotto il nome di grandi potenze e nel ripristino di un sano sistema di Stati piccoli e facilmente gestibili come quelli che caratterizzavano le epoche precedenti”. (Leopold Kohr, La disgregazione delle nazioni)

“Molti obietteranno alla teoria della potenza o delle dimensioni anche perché si basa su un’interpretazione eccessivamente pessimistica dell’uomo. Essi sosterranno che, lungi dall’essere ispirati e sedotti dal potere, siamo generalmente e prevalentemente animati da ideali di decenza, giustizia, magnanimità e così via. Questo è vero, ma solo perché il più delle volte non possediamo il potere critico che ci permette di farla franca con l’indecenza. Ci comportiamo semplicemente perché sappiamo che il crimine non paga e che, con il limitato potere a nostra disposizione, è più proficuo usarlo per il bene che per il male”. (Leopold Kohr, La disgregazione delle nazioni)

“Ora vediamo gli effetti dello stesso problema [la conquista del potere da parte di un dittatore] in un mondo di piccoli Stati. Se un maniaco del potere si impossessa di un governo, le conseguenze interne ed esterne sono molto diverse. Poiché un piccolo Stato è per natura debole, il suo governo, che può trarre la misura della sua forza solo dalla misura del Paese su cui governa, deve essere altrettanto debole. E se il governo è debole, lo deve essere anche il suo dittatore. E se un dittatore è debole, può essere rovesciato con lo stesso sforzo che egli stesso ha dovuto fare per rovesciare il governo precedente”. (Leopold Kohr, La disgregazione delle nazioni)

“. …non è la disposizione sottomessa che porta alla miseria della tirannia, ma il potere tirannico, che cresce in proporzione alle dimensioni della comunità, che porta a una grandezza critica lo spirito condiscendente della sottomissione. La sottomissione non è quindi una qualità umana che possa essere spiegata in misura significativa come il risultato dell’educazione, della tradizione, del carattere nazionale o del modo di produzione. Come la maggior parte degli altri atteggiamenti sociali, è la reazione adattativa riflessa con cui l’uomo risponde al potere. Il suo grado varia direttamente con il grado di potere, così come la sua reazione opposta, l’affermazione della libertà, varia inversamente ad esso. Dove c’è potere, c’è sottomissione, e dove non c’è sottomissione, non c’è potere. Questo è il motivo per cui, storicamente, i popoli apparentemente più amanti della libertà hanno accettato la tirannia con la stessa remissività di quelli apparentemente più sottomessi, o perché è lecito affermare che anche gli americani si sottometterebbero se la nostra struttura federale permettesse l’accumulo del necessario volume di potere governativo. Perché, come confidava in modo così toccante il giovane Boswell al suo giornale londinese, “quando la mente sa di non potersi aiutare lottando, si sottomette tranquillamente e pazientemente a qualsiasi carico le venga imposto””. (Leopold Kohr, La disgregazione delle nazioni)